mercoledì 23 gennaio 2019

La villa romana di Santa Maria

Il ritrovamento dei resti di questa villa avvenne nel 1926 durante i lavori di ampliamento di un'abitazione. L'archeologo Luigi Iacono venne incaricato da Amedeo Maiuri dopo le segnalazioni del Rev. Raffaele Tagliamonte, ispettore locale della Soprintendenza.
Il proprietario dell'abitazione, Ciro Mazzella,  fece spianare il giardino e gli scavatori si trovarono davanti ad una camera rettangolare cinta in opus reticulatum pavimentata in opus sedile.
Luigi Jacono appurò che il pavimento era in condizioni perfette dopo millenni di sepoltura.
Crede di riconoscere un solarium tra i resti della villa probabilmente per godere dei benefici del sole. Infatti l'esposizione della villa lo fa pensare perchè si trova in una zona soleggiata.
Il terrazzo era pavimentato da mattoncini piccolissimi, a spina di pesce, che ancora si possono vedere passando davanti alla casa.
Il proprietario del terreno, alle falde del monticello, era prima un certo Maglione (antecedente ai Mazzella) e proprio qui è stata ritrovata una sala esedra con un pavimento policromo composto da quadrati di marmo Chium o africano, Favi, cioè esagoni di Coraliticum, cioè di Palombino. Ed ancora altri quadratini  e finalmente Trigona dei triangoli isosceli di rosso antico. Lo stile delle pitture era Terzo stile pompeiano e i pavimenti erano simili all'Augusteo di Capri.
Un Bene Archeologico grandioso di cui non si sa più niente...


Qui sorgeva la villa romana



Villa romana nella Contrada Santa Maria, pianta del solarium scoperto nel 1926



Disegno dei pavimenti



In questa vecchia foto si vede la zona in cui era situata la villa romana
(Archivio fotografico di Giovanni Pacifico)

domenica 20 gennaio 2019

La statua di San Silverio

La statua di San Silverio è molto antica e negli ultimi quarant'anni è stata restaurata già due volte.
Verso la metà degli anni '30, durante un incendio scoppiato in chiesa il 20 giugno, rischiò di essere danneggiata seriamente, ma per fortuna bruciarono solo le banconote di dollari donate dai fedeli, giunti dagli Stati Uniti, che erano ancora attaccate alla statua dopo la processione.
Un tempo la statua usciva dalla chiesa in eventi eccezionali come è successo durante la guerra o un terremoto, quando c'era un pericolo per la comunità ponzese.
Il 20 luglio di ogni anno, un mese dopo aver festeggiato San Silverio, con una piccola processione si ripone la statua del Santo nella nicchia dell'altare a Lui dedicato.
E' un momento molto toccante perchè ognuno vuole salutare il Santo, affidare a Lui le proprie speranze, tutto ciò che viene in mente in quell'attimo.
Ognuno di noi poi dice: San Silvè ce vedimme l'anne che vène.







La statua di San Silverio durante la piccola processione del 20 luglio 2018

venerdì 18 gennaio 2019

U purtone i Pascarella

U purtone i Pascarella è un passaggio, un piccolo tunnel con delle scalette, ricavato tra gli edifici già al tempo dei Borboni, che raccorda Corso Pisacane con via Corridoio.
Quando c'è molto vento attraversarlo è un pò complicato perchè si forma una fortissima corrente d'aria. Anche quando piove ci sono problemi perchè si forma una vera cascata.
Per chi proviene da via Parata o da Corso Umberto ma anche da Sopra gli Scotti attraversando u purtone i Pascarella si ritrova in un attimo al centro dell'isola.
In questo passaggio c'era la Cisterna Tagliamonte, sotto l'hotel Mari, detta anche del Portone (Portone di Pascarella) che riforniva l'area portuale.
Era una cisterna pubblica da cui si attingeva l'acqua del portone. 
Veniva rifornita dalla Cisterna del Corridoio in via Comandante che a sua volta riceveva l'acqua dalla grandiosa Cisterna di via Parata detta anche del Bagno.




U purtone i Pascarella visto dal basso...sulla destra c'è una apertura dove c'era l'accesso alla cisterna Tagliamonte o del Portone



U purtone i Pascarella visto dall'alto...in basso ecco corso Pisacane

(Estate 2015)



U purtone di Pascarella è diventato una cascata...scende tutta l'acqua che viene da sopra gli Scotti, dalla Parata

(Foto di Benedetto Sandolo, ottobre 2013)

giovedì 17 gennaio 2019

A Sant'Antuono maschere e suoni

A Sant'Antuono maschere e suoni.
Questo detto è riferito a Sant'Antonio abate che si festeggia il 17 gennaio, giorno in cui entra ufficialmente il Carnevale.
Un tempo, a Ponza, in questo giorno si facevano dei falò ed io ricordo quello dìnte u vico, Corso Umberto che, mi pare, facesse la famiglia Ambrosino.
Nella zona di Sant'Antonio in una mappa del XVI secolo è indicata una chiesa dedicata al Santo ma credo fosse una cappella che non viene menzionata però dal Pacichelli nel suo viaggio a Ponza avvenuto nel 1685.
Il Tricoli nella Monografia per le isole del gruppo Ponziano scrive:
"Nella medesima spiaggia è piantato questo vasto monumento tutto di mattoni, marmi o fabbrica reticolata, ed era in tre comprese, la prima un rettangolo, attualmente coverta dalla fabbrica del Parroco Vitiello, la seconda sferica con vasta vasca per accumulare l'acqua sorgiva delle Forna per uso delle sacre obluzioni, ed in ultimo un esagono. Lo stucco lucido è gremito di vario dipinto, coi pezzi di colonna, capitelli, ed altri intagli su marmi. Gli affreschi, e bassi rilievi simbolici tra i rottami, indicano che il tempio era dedicato ai cennati Dioscuri, anche perchè non è presumibile, che i Ponzesi avessero trascurato il culto a tali protettori marini.
Vi fu sostituito Sant'Antuono dei marinari, finchè i barbari lo diroccarono." 
Quindi al culto dei Dioscuri successe quello di Sant'Antonio Abate a cui erano devoti i coloni ischitani.
Nel 1858 iniziarono i lavori per costruire una chiesa nel borgo di Sant'Antonio ma non ripresero più.






Il Borgo Sant'Antuono

(Foto di Rossano Di Loreto, gennaio 2019)





Dìnte u vico (Corso Umberto che un tempo si chiamava Vico G.Mazzini) la famiglia Ambrosino faceva il falò



Immagine di Sant'Antonio Abate

A proposito di Sant'Antonio Abate c'è anche questo detto all'isola di Ponza:
Sant'Antonio dalla barba bianca, famme truà chelle ca me manche

mercoledì 16 gennaio 2019

U spusalizio i na vota

U spusalizio (il matrimonio), a Ponza, in genere, un tempo, veniva celebrato di domenica, oggi non è più così.
Nei giorni precedenti c'era l'appriezzo cioè la stima del corredo della sposa che veniva trascritto pezzo per pezzo su un foglio dall'apprezzatore (una persona scelta dalle  famiglie degli sposi).
E finalmente arrivava il giorno fatidico...
La sposa, vestita di bianco, veniva accompagnata in chiesa dal padre, dietro c'erano le coppie di familiari, di amici e quindi  formavano un corteo nuziale che attraversava le strade dell'isola.
Un matrimonio era pur sempre un evento...
Dopo la cerimonia il corteo nuziale con in testa gli sposi avevano davanti a loro tanti bambini che cercavano di prendere qualche confetto o qualche soldo che gli invitati lanciavano in segno di augurio.
Un tempo il pranzo nuziale si faceva in casa perchè non c'erano ristoranti  adatti ad ospitare un gran numero di invitati.
Ora qualche foto di coppie di sposi di un tempo...



Silverio Musella e Francesca Iacono (mia zia) sposi nel gennaio del 1948



Aniello Conte e Rita Di Fazio sposi nel 1953. In questa foto con Ciro Iacono, Elvira Conte e la piccola Olimpia



Aniello Iacono e Renata Iossa sposi nel settembre 1959



Il corteo che segue la sposa Olimpia Iacono accompagnata da papà Ciro. Lo sposo Rocco Pagano aspetta in chiesa. Era marzo 1974

"L'amore vero è una presenza dolce e quotidiana"
Stephen Littleword

domenica 13 gennaio 2019

Il vecchio e il soldato a Palmarola

Nella grotta di Lucrezia a Palmarola, sopra un vecchio comò, sotto una campana di vetro c'erano una  statua della Madonna e San Silverio.
E' proprio l'immagine di San Silverio e un soldato di stanza a Palmarola che danno origine a questa storia.
Così racconta Ernesto Prudente: In uno dei primi giorni di marzo del 1942, poco prima di mezzogiorno, mentre Lucrezia era intenta a prepararsi qualcosa da mangiare, passò davanti alla sua grotta uno di quei soldati della guarnigione distaccata a Palmarola. Lucrezia non lo conosceva, era a Palmarola, con Giovannina e Civitella da due giorni, e nè il militare conosceva Lucrezia. La stradina che portava sui Vricci, dove c'era la piccola caserma, che il militare doveva raggiungere passava proprio davanti la grotta di Lucrezia che in quel momento aveva la porta spalancata, ed il soldato, attraversandola, le rivolse gentilmente il saluto dicendole anche che se avesse avuto bisogno lui era disponibile a darle una mano. La gentilezza di quel ventenne mise a disagio la vecchia nonna palmarolese che istintivamente lo invitò ad entrare per offrirgli un bicchiere di vino. Il soldato non rifiutò l'invito, non poteva, era vicentino. Entrò educatamente rimanendo all'impiedi nonostante che Lucrezia gli avesse offerto uno sgabello per farlo sedere. Stava da diversi mesi a Palmarola ma non era mai entrato in una di quelle grotte che servivano da abitazioni per i contadini che si recavano a lavorare la terra. Volse lo sguardo dovunque e dapperrtutto e mentre prendeva dalle mani di Lucrezia il bicchiere di vino aveva lo sguardo fisso, senza la minima distrazione, su quell'immagine che stava sotto la campana. Accertatosi, guardò negli occhi la vecchietta, togliendole il bicchiere dalle mani che innalzò verso quell'immagine, a mò di saluto, dicendo a Lucrezia: " Quello è il vecchio che incontrai per strada, un pò più sopra, in una giornata di cattivo tempo, un cattivo tempo che durava da oltre dieci giorni, che non permise alla barca di portarci i viveri. Eravamo alla fame. Io salivo dalla spiaggia per dire ai miei compagni che le onde erano grosse e che sicuramente la barca neanche quel giorno si sarebbe fatta viva. Il vecchio, che io pensavo fosse un contadino, mi poggiò una mano sulla spalla dicendomi: Vai sopra e avvisa i compagni che nel primo pomeriggio la barca sarà qui. Ma con questo mare? Si, oggi la barca sarà qui.
Lo ringraziai e corsi a portare la notizia ai compagni. quel vecchio non era un contadino, quel vecchio era quello della tua foto, con la stessa barba." 
Uscì dalla grotta di Lucrezia senza un accenno di saluto. Si avviò per la salita con gli occhi umidi di lacrime.
La barca con i viveri arrivò e il soldato cercò il vecchio per tutta l'isola ma invano.
Era sparito.
Quel vecchio era San Silverio.


L'isola di Palmarola vista da Chiaia di Luna
(Foto di Rossano Di Loreto, dicembre 2018)


Questa statua di San Silverio è quella di Lucrezia ed è nella grotta di Palmarola.
Per gentile concessione di Francesca Assenso. 
Lucrezia era la sua bisnonna, era la madre di sua nonna materna Lucia.



Le case- grotta a Palmarola
(Foto di Rossano Di Loreto, luglio 2018)

giovedì 10 gennaio 2019

Il Bambinello della nonna Assunta

Quando i miei nonni materni, Salvatore Conte e Assunta Mazzella, si sposarono il 21 novembre del 1910, ricevettero come regalo di nozze questo bellissimo Bambinello.
Glielo regalarono  Placido Conte e Agnese Vitiello, genitori di Salvatore, lo sposo,.
Il Bambinello ha più di cento anni.





martedì 8 gennaio 2019

Il Presepe vivente dell'isola di Ponza

Il presepe vivente, curato dall'Associazione Culturale  ' A Priezza, quest'anno in collaborazione con Easy Ponza, è stato ambientato accanto alla Chiesa di Santa Maria.
Tutto è stato curato nei minimi particolari...
Sono stati ricostruiti angoli con gli antichi mestieri...
Al banchetto della frutta e verdura c'è Lina che effettivamente svolge proprio questo mestiere nella vita.
Quella di quest'anno è stata la settima edizione del presepe vivente.
Le foto sono di Easy Ponza



La Sacra Famiglia



Le ostesse



Il cuciniere di caldarroste



La fruttivendola...la grande Lina



Vin brulè



Le sarte



Cuciniere di polenta




Il pescatore



La ricamatrice



I pizzaioli


Bambino con l'asinello



Le zeppolare



Lo zampognaro



I Magi

domenica 6 gennaio 2019

Ponza con la neve

Anche all'isola di Ponza è capitato di trovarsi con un paesaggio innevato...
Ecco un brano tratto da "Vivere Ponza" del 1985 che descrive una giornata in cui i ponzesi si sono svegliati con la neve...
"Neve a Ponza
Insolito e inaspettato il paesaggio dell'Isola al mattino del 10 gennaio 1985. Un manto di neve ricopriva le colline, le spiagge e le case di Ponza. Pochi centimetri bastavano a cambiarne l'aspetto, rendendolo molto simile a quello nordico.
L'eccezionalità dell'evento (che si ripropone mediamente ogni venti- trenta anni) ha fatto gioire i bambini che, marinando la scuola, improvvisavano battaglie all'ultima palla di neve. Ma un sole splendente nel giro di poche ore scioglieva il leggero manto bianco.
L'undici gennaio il vino di produzione locale era tutto prenotato.
Una vecchia tradizione isolana conferma la eccezionale bontà dello stesso in quegli anni nei quali nevica."
Ma era già accaduto nel 1962 ed anche abbastanza copiosa.
Una nevicata eccezionale ci fu il 30 gennaio 1999 e il manto nevoso che coprì Ponza creò un paesaggio incantato, da fiaba.
Un pò di foto di Ponza con la neve







































La nevicata del 30 gennaio 1999












Foto in bianco e nero di nevicate meno recenti

(Archivio fotografico di Giovanni Pacifico)


"...ti sembra cotone
ti sembrano piume
nessun tipo di sforzo
non fa neanche una piega
c'è chi ne ha già abbastanza
ma tanto la neve, lei se ne frega
copre i coppi e le piazze
le altalene e i bidoni
i sorrisi dei pazzi
e le bestemmie di qualche barbone
tutti quanti costretti
ad un tempo diverso..."

Luciano Ligabue "La neve se ne frega"
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...